Chi è quel Mister X specializzato a prosciugare conti correnti postali ovviamente non suoi? È un vero e proprio rompicapo investigativo quello su cui sono impegnati da qualche giorno i carabinieri e che presenta i connotati d’una maxitruffa, soltanto a giudicare dall’entità dell’ultimo colpo: ben 120 mila euro.

Praticamente quasi l’intero capitale disponibile di risparmio dell’ignaro correntista rimastone vittima. Ma vediamo dove, come e quando si sono volatilizzati i soldi d’alcuni correntisti postali. I fatti vedono al centro delle indagini l’Ufficio postale del Comune di Spezzano Albanese. Dove, nei giorni scorsi, un inconsapevole correntista ha fatto scoperchiare il vaso di pandora d’altri assalti ai conti correnti di quello stesso ufficio. I 120 mila euro sottratti dal conto dell’ultimo malcapitato hanno preso il largo attraverso uno stratagemma che ha i chiari contorni della truffa. 

Qualche giorno prima,  infatti, una persona si sarebbe presentata allo sportello munito d’un documento d’identità con ogni probabilità fasullo, palesando allo sportellista di voler ritirare tutti i soldi presenti sul proprio conto. Operazione eseguita e chiusa senz’alcuna difficoltà. Qualche giorno dopo però, il titolare del conto s’accorge d’essere rimasto quasi completamente al verde. Così è scattata la denuncia ai carabinieri, che ora indagano per risalire al malvivente, e, soprattutto, per capire come quell’ultima consistente operazione possa essere avvenuta senza alcun tipo d’intoppo. 

Già, perché - come detto - il caso in oggetto non sarebbe l’unico registratosi negli ultimi mesi presso lo stesso ufficio postale...