Blitz dalle prime luci dell’alba di stamane: 130 carabinieri forestali del Gruppo di Cosenza e carabinieri del Comando provinciale cosentino, col supporto del VIII Nucleo elicotteri di Vibo Valentia, stannno eseguendo un decreto di sequestro d’urgenza emesso dalla Procura della Repubblica di Castrovillari su oltre 100 tra terreni agricoli, manufatti e fabbricati che insistono negli alvei dei fiumi e nelle fasce di rispetto delle aree a rischio idrogeologico. 

L’operazione scaturisce dall’alluvione del 12 agosto 2015 che ha interessato l’attuale Città unica di Corigliano Rossano. 195 gl’indagati tra appartenenti alla pubblica amministrazione dei due ex Comuni oggi Comune unico, e non solo, imprenditori edili della città e privati cittadini.

I dettagli dell’operazione e dell'inchiesta, denominate Flumen luto, saranno illustrati dal procuratore capo di Castrovillari, Eugenio Facciolla, e dal procuratore generale presso la Corte d’appello di Catanzaro, Otello Lupacchini, domani 6 luglio alle ore 11 durante una conferenza stampa che si terrà presso la sede del Gruppo carabinieri forestali di Piazza XI settembre a Cosenza.

LEGGI ANCHE

Alluvione 2015: s’ode tintinnìo di manette

Post-alluvione 2015: “sparito” un milione e mezzo d’euro