Il coriglianese Francesco Fortunato è stato pedinato per giorni prima del blitz

Ennesimo blitz antidroga della polizia nell’area urbana coriglianese di Corigliano-Rossano. Gli uomini del Commissariato cittadino diretto dal vicequestore Cataldo Pignataro nel pomeriggio di ieri sono entrati in azione tra il centro storico e la frazione marina di Schiavonea.

Ad operare ancora una volta la squadra di polizia giudiziaria guidata dall’ispettore Stefano Laurenzano, stavolta in collaborazione coi loro colleghi del Reparto prevenzione crimine Calabria settentrionale.

Prodromi del blitz, alcuni appositi servizi d’osservazione e controllo oltre ai vari pedinamenti del sospettato spacciatore di droga di turno. L’attività investigativa è durata alcuni giorni. La perquisizione domiciliare è stata fatta scattare nell’abitazione principale e nel magazzino del giovane entrato nel “mirino” degl’investigatori, nella zona dell’Acquedotto in centro storico, a due passi dalla locale caserma dei carabinieri.

E proprio nel magazzino, all’interno d’uno zaino, i detective dell’ispettore Laurenzano hanno trovato 7 involucri di cellophane termosaldati contenenti complessivamente 20 grammi di marijuana, un bilancino di precisione ed altro materiale utile al confezionamento dello stupefacente.

Ciò, mentre i colleghi del Reparto prevenzione crimine perquisivano la dimora estiva del ritenuto spacciatore, a Schiavonea, dov’è spuntata un’altra dose di “maria” del peso di 2 grammi e un altro bilancino.

Il Commissariato di polizia cittadino

Per Francesco Fortunato, 31 anni, del luogo e con precedenti, sono dunque scattate le manette ai polsi per il preteso reato di detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio.

Condotto in Commissariato e da qui informato il magistrato di turno in Procura a Castrovillari, quest’ultimo ne ha disposto la remissione in libertà in attesa che Fortunato (assistito e difeso dall’avvocato Francesco Sammarro del locale foro) comparisse in Tribunale per l’udienza di convalida dell’arresto e il processo per direttissima. redazione@altrepagine.it