Nella mattinata di ieri i giudici del Tribunale di Castrovillari (presidente Giusy Ferrucci, a latere Carmen Ludovica Bruno e Gabriele Antonaci) hanno assolto un 81enne di Corigliano-Rossano.

L’anziano signore, coriglianese, era imputato d’un reato gravissimo: violenza sessuale continuata ed aggravata nei confronti della propria nipotina di 6 anni, figlia di suo figlio.

I “fatti” ch’erano stati denunciati risalgono all’anno 2015. La micidiale denuncia era stata formalizzata dalla madre della bambina – oggi 13enne – nei confronti del suocero A.F., oggi ex dal momento che il figlio dell’anziano s’è separato dalla moglie.

Insussistenti le “prove” a carico dell’imputato, assolto con la formula “perché il fatto non sussiste”, a fronte della richiesta del pubblico ministero che aveva sollecitato la condanna dell’81enne a 5 anni di reclusione, richiesta cui s’era associato il legale di parte civile della denunciante costituitasi in giudizio.

Appassionata l’arringa del difensore dell’imputato, l’avvocato Francesco Sammarro del locale foro, che ha chiesto e dunque ottenuto l’assoluzione del proprio assistito, dopo l’infamante calvario giudiziario del sospettato “nonno orco” durato ben 7 anni. redazione@altrepagine.it