Il pregiudicato Domenico Amendolara è stato arrestato martedì sera dai poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano

Notato martedì pomeriggio su una strada centrale di Trebisacce dai poliziotti del Commissariato di Corigliano-Rossano diretto dal vicequestore aggiunto Cataldo Pignataro.

I segugi della Squadra giudiziaria dell’ispettore Stefano Laurenzano l’osservano mentre è intento a confabulare con un’altra persona. È già noto ai poliziotti e soggetto d’interesse investigativo, giacchè gravato da una condanna definitiva del 25 marzo 2019 per rapina e lesioni personali ai danni d’un cittadino marocchino. Fatti commessi proprio a Trebisacce il 27 maggio del 2013. Gl’investigatori decidono così di controllarlo. “Approfondendo”, pure, attraverso una perquisizione domiciliare.

Lui è nervoso, particolarmente agitato quando i poliziotti trovano un mazzo di chiavi. È incalzato dalle domande e da altre evidenze investigative. Poi i detective riescono a individuare i locali nella sua disponibilità riconducibili a quelle chiavi, tra cui un appartamentino nel vicino comune di Amendolara.

Ed è proprio da lì dentro che spuntano un fucile doppietta calibro 12 con la matricola abrasa e una pistola Beretta calibro 7,65 munita di caricatore monofilare, nonché 45 proiettili calibro 7,65 e 45 cartucce da caccia calibro 12 caricate a pallettoni e a palla singola, oltre ad artifici pirotecnici di genere vietato.

L’arsenale sequestrato dalla polizia

Armi perfettamente funzionanti e pronte per l’eventuale utilizzo, la pistola addirittura col caricatore inserito e sei cartucce all’interno.

La pistola è risultata rubata nel 2016 in un comune della provincia di Cosenza, mentre sono tuttora in corso gli accertamenti finalizzati a risalire al proprietario del fucile, oltre agli accertamenti tecnici per verificare se le due armi siano state utilizzate in qualche crimine, recente o meno.

Il perquisito, Domenico Amendolara, 32 anni, di Trebisacce, è stato naturalmente dichiarato in arresto. È difeso dall’avvocato Franco Mundo del foro di Castrovillari. direttore@altrepagine.it

Di FABIO BUONOFIGLIO

Classe 1974. Spirito libero, animo inquieto e ribelle. Giornalista. Negli ultimi 20 anni collaboratore e redattore di diverse testate quotidiane e periodiche regionali nel Lazio e nella sua Calabria. Nel 2011 fonda AltrePagine, la propria creatura giornalistica che da allora dirige con grande passione.