Il fatto incendiario di stanotte avrebbe potuto causare un grande inferno di fuoco e provocare danni enormi ai titolari della ditta d’autotrasporti locale che ne sono rimasti vittime.

Si tratta del 30° atto incendiario di natura palesemente dolosa che s’è registrato a Corigliano-Rossano in poco più di quattro mesi e mezzo, dall’inizio del 2022.

Era da poco trascorsa la mezzanotte, quando, nella zona industriale di Corigliano, è stato dato alle fiamme uno dei Tir dell’impresa “Santo trasporti” parcheggiato nel piazzale aziendale assieme a diversi altri autoarticolati, tutti appartenenti alla ditta stessa.

L’allarme è scattato immediatamente e sul posto, in pochi minuti, sono giunti i carabinieri del Reparto territoriale e i vigili del fuoco del Distaccamento cittadino che hanno subito domato l’incendio. Seriamente danneggiato il rimorchio, che fortunatamente era scarico.

Sul fronte delle indagini si batte la pista di natura estorsiva e s’ipotizza che dietro l’episodio possa esserci la criminalità organizzata locale. redazione@altrepagine.it