La domanda implicita che l’altro ieri, in Questura, avranno fatto a Flavio Stasi (foto) sarà stata: «Lei dov’era la sera del 15 agosto dell’anno scorso?». E il sindachetto di Corigliano-Rossano ai poliziotti dev’essere apparso parecchio smemorato e forse lo è ancora in queste ore.

Però qualcuno che te la rinfresca, la memoria, talvolta lo trovi, e AltrePagine fa proprio al caso tuo: (ri)leggi QUI, sindaco.

Ieri pomeriggio t’abbiamo visto in un video su Facebook e la tua apparente sicumera celava assai maluccio le ferite lacero-contuse d’un cane bastonato proprio dalle parti della Questura (chi non abbia visto il video può cliccare QUI).

Che dirti, sindaco: se tu non sei nato ieri, noi non siamo nati l’altro ieri e certo non ce la beviamo affatto la versione ufficiale dell’inibizione di Piazza Steri ai concerti musicali di Ferragosto, fosse pure il concerto degli Iron Maiden!

Tali eventi, che ci hanno sempre visti partecipi, per tantissimi anni si sono tenuti in quella bellissima storica piazza, eccezion fatta l’anno scorso. Già. Quando noialtri non abbiamo inteso d’assistere al concerto dei Negrita da seduti e imbalsamati per le tue/vostre “regole” del cazzo anti-Covid, avendo, qualche giorno prima alla marina di Schiavonea, abbandonato molto anzitempo il peggiore concerto della nostra vita, quello dei Subsonica vissuto da ibernati e controllati da quello stra-pagato plotone d’esecuzione di guardiani (nè vigili urbani nè poliziotti, carabinieri o finanzieri) da te ingaggiato per dirci di non cantare e di non applaudire!

Perciò, prima d’alzare le mani e in modo pesante addosso a qualcuno di quella schiera d’imbecilli matricolati che ci avevi sguinzagliato alle spalle, sui lati e davanti, avevamo preferito alzare il culo da quelle sedie di merda per andarci a godere il nostro lungomare…

Uno dei tanti concerti d Ferragosto passati in Piazza Steri

Quest’anno a Ferragosto si poteva finalmente tornare proprio nella magnifica Piazza Steri ad ascoltare Max Gazzè e i Tiromancino.

Non si può? Male, sindaco.

Per tua colpa, tua colpa, tua grandissima colpa: confessaglielo alla Santissima Maria Achiropita e chiedile perdono. E chiedi perdono pure ai tuoi concittadini rossanesi: a loro in primis, che come ben sai alle vostre tradizioni ed ai vostri luoghi ci tengono assai, compresi quelli dell’associazione “Smarchettiamo”.

A noialtri coriglianesi può bastare pure una sola delle tue tantissime parole (rectius “pagliette”) detta una volta tanto con onestà, morale ed intellettuale.

Ieri sera leggerti su Facebook in versione Azzeccagarbugli con la “Circolare Gabrielli” alla mano è stato divertente assai, davvero. Però siamo d’accordo con te su una cosa: i ciucci ragliano, ed è vero.

Non essendo cinofili come te, non sappiamo se i cani bastonati abbaiano…

Ad ogni buon conto, buon Ferragosto a te e buon Ferragosto a tutti! direttore@altrepagine.it

Di FABIO BUONOFIGLIO

Classe 1974. Spirito libero, animo inquieto e ribelle. Giornalista. Negli ultimi 20 anni collaboratore e redattore di diverse testate quotidiane e periodiche regionali nel Lazio e nella sua Calabria. Nel 2011 fonda AltrePagine, la propria creatura giornalistica che da allora dirige con grande passione.