Il feritore del 37enne Roberto De Rosis dalla tarda serata di ieri è attivamente ricercato dai carabinieri 

Per sua fortuna è fuori pericolo di vita Roberto De Rosis, il 37enne residente a Schiavonea di Corigliano-Rossano accoltellato con diversi fendenti nella serata di ieri proprio nella frazione della marina coriglianese.

L’uomo è stato sottoposto a un immediato intervento chirurgico in tarda serata, dopo essere stato soccorso da medici e operatori sanitari del 118 dietro il Santuario dedicato a Maria ad Nives.

L’accoltellamento non sarebbe però avvenuto lì, dove il De Rosis sarebbe riuscito ad arrivare da solo, probabilmente alla guida della sua autovettura, e da dove lui stesso ha invocato il soccorso del 118 e allertato i carabinieri.

Da quanto è trapelato, infatti, l’aggressione a coltellate si sarebbe consumata nella zona del porto.

Emerge, frattanto, la figura del feritore: si tratterebbe d’un cittadino straniero di nazionalità albanese che da ieri sera è attivamente ricercato dai carabinieri del Reparto territoriale.

Per nulla chiaro, invece, è il movente della violentissima aggressione con quell’arma da taglio che per De Rosis poteva essere fatale e per fortuna non lo è stata.

I militi dell’Arma attendono il consenso dei medici del presidio ospedaliero cittadino “Nicola Giannettasio” per poter interrogare il ferito.

Sembrerebbe, comunque, che oltre all’accoltellatore e all’accoltellato fossero presenti altre persone, che i carabinieri stanno attivamente ricercando parimenti al feritore. redazione@altrepagine.it