«Se il Centrodestra candiderà a sindaco la Straface, con me non avrà partita!»

Anche se alle elezioni comunali di Corigliano-Rossano manca ancora circa un anno e mezzo, per il sindaco in carica Flavio Stasi già da tempo è tempo di campagna elettorale. Perché – ovviamente – si ricandiderà per essere confermato.

Gioca in casa, per usare un’espressione mutuata dal linguaggio sportivo (oggi su Facebook proprio il primo cittadino coriglianrossanese ha ricordato la figura del fuoriclasse prematuramente scomparso Gianluca Vialli) col dialettale motto di fatigam e citt, o di fatigam e parram dopo che in molti gli hanno fatto notare che nel suo vantarsi su Facebook di tutti gli scudetti e di tutte le coppe del suo fantacalcio amministrativo non c’è nulla di silenzioso. E gioca fuori casa. In quel di Cosenza e dintorni, per esempio.

L’incontro cosentino con Greco e De Bartolo

Proprio nell’area urbana cosentina, nel corso di queste festività natalizie, lo spregiudicato giovane sindaco di Corigliano-Rossano si sarebbe incontrato con alcuni noti esponenti d’un partitino politico che da anni puttaneggia tra Destra e Sinistra, proprio come lui.

E il partitino del “caso” è Italia del Meridione, il cui “leader” risponde al nome di Orlandino Greco, ex sindaco di Castrolibero ed ex consigliere regionale della Calabria nella maggioranza dell’ex presidente di Centrosinistra Mario Oliverio benché politicamente destrorso (Greco è un ex di Alleanza nazionale) ed oggi sotto processo per collusioni con la ‘ndrangheta cosentina.

Stasi si sarebbe incontrato proprio con Greco (i due nella foto d’apertura). Un incontro pare richiesto proprio dal sindaco di Corigliano-Rossano, cui avrebbe presenziato pure il segretario regionale messo da Greco a rappresentare il suo partitino, Emilio De Bartolo, già consigliere ed assessore comunale a Rende, da sempre alla corte dell’ex sindaco rendese, parlamentare, sottosegretario di governo, l’ex tutto – insomma – Sandro Principe.

Emilio De Bartolo

Stasi, Greco e De Bartolo ovviamente non si sarebbero incontrati per un cordiale scambio d’auguri di buone feste – oddìo anche per quello – ma, soprattutto, per “traffici” politici di reciproca convenienza.

Quali?

È presto detto.

Il sindaco di Corigliano-Rossano, andato a farsi un proprio utile ed utilitaristico giretto cosentino, avrebbe proposto un’alleanza “politica” ai massimi rappresentanti del partitino Idm, ovviamente proprio in proiezione dell’appuntamento elettorale coriglianrossanese della primavera 2024.

“In dote” a Greco e De Bartolo, il sindaco jonico avrebbe offerto il passaggio con Idm d’alcuni consiglieri comunali della propria maggioranza. E, forse, persino la formazione, da qui a breve, d’un gruppo consiliare di Idm a Corigliano-Rossano.

Fosse così, Greco e De Bartolo avrebbero centrato il jackpot al Superenalotto della “politica”:

essere rappresentati nel Consiglio comunale della terza città più grande della Calabria.

Chi saranno i suoi consiglieri comunali di maggioranza che Stasi eventualmente “venderà” a Greco e quanto (sicuramente pochissimo) al chilo?

Facile pensare, per esempio, a Salvatore Tavernise, ch’è anche consigliere provinciale di Cosenza e può “vantare” una candidatura proprio con Idm alle ultime Comunali di Rossano prima della fusione con Corigliano, nel 2016, quando Stasi era pure candidato a sindaco. Allora, però, Idm e Tavernise non stavano affatto con Stasi bensì col candidato a sindaco Ernesto Rapani, attuale senatore di Fratelli d’Italia.

Salvatore Tavernise

Non sarà opera difficile, comunque, per Stasi, far cambiare etichetta a un gruppetto di suoi consiglieri:

basti pensare, per esempio, a un Biagio Frasca qualsiasi che se Stasi gli dicesse d’andarsi a buttare dal Ponte Margherita a Corigliano egli opterebbe volentieri per il Bisantis di Catanzaro per andare sul sicuro, e fanculo alle continue umiliazioni “politiche” e soprattutto personali di Stasi nei suoi confronti durante le riunioni di maggioranza, come ci ha spesso raccontato più di qualcuno tra i suoi stessi colleghi consiglieri…

Greco (che a Corigliano-Rossano un po’ d’amici ce li ha sempre avuti) avrebbe garantito a Stasi la formazione d’una lista «forte» e Stasi gli avrebbe espresso la sua preferenza quanto al proprio antagonista di Centrodestra, alle comunali del 2024:

«Spero che candidino Pasqualina Straface, che con me non avrebbe partita!», avrebbe detto a Greco e a De Bartolo in riferimento all’attuale consigliera regionale di Forza Italia ex sindaca di Corigliano.

Il ruolo di Argentino e l’ipotetico accordo segreto con Occhiuto

Che ci sia – come si mormora oramai da più parti – un accordo segreto proprio in tal senso tra Stasi e il presidente della Regione Roberto Occhiuto per tramite del “potentissimo” assessore comunale Costantino Argentino socio in affari col consigliere regionale Pierluigi Caputo ch’è uno dei massimi “colonnelli” del governatore della Calabria?

L’assessore Argentino indica la via al sindaco Stasi

Certo quest’alleanza di Stasi non avrebbe granché di compatibile con l’altra ipotetica work in progress del sindaco coriglianrossanese, noto per la sua abitudine a giocare su più tavoli:

quella col Movimento 5 Stelle della parlamentare romana, ma nativa di Rossano, Vittoria Baldino. Staremo a vedere. direttore@altrepagine.it

Di FABIO BUONOFIGLIO

Classe 1974. Spirito libero, animo inquieto e ribelle. Giornalista. Negli ultimi 20 anni collaboratore e redattore di diverse testate quotidiane e periodiche regionali nel Lazio e nella sua Calabria. Nel 2011 fonda AltrePagine, la propria creatura giornalistica che da allora dirige con grande passione.