Si tratta del 33enne Antonio Caravelli e del 22enne Francesco Galanti: sono finiti entrambi agli arresti domiciliari

ROSETO CAPO SPULICO – Blitz antidroga da parte dei “baschi verdi” della guardia di finanza in forza alla Tenenza di Montegiordano lungo la Strada statale 106 in direzione Sud nei pressi del Castello di Roseto Capo Spulico. 

Le fiamme gialle hanno intimato l’alt a un’autovettura, una Fiat Bravo, con a bordo due persone residenti a Cassano Jonio: 

Antonio Caravelli di 33 anni, originario di Corigliano ed incensurato, e Francesco Galanti di 22, con precedenti specifici di polizia giudiziaria.

Durante la perquisizione dell’auto, da un borsello custodito nella tasca d’uno sportello sono spuntati quattro involucri contenenti 14 pietre d’eroina del peso complessivo di 40 grammi.

“Beccati”, dunque, dichiarati in arresto e ammanettati per detenzione di sostanza stupefacente finalizzata allo spaccio, i finanzieri hanno subito informato il magistrato di turno in Procura a Castrovillari, Simona Manera, che li ha assegnati entrambi agli arresti domiciliari.

Ieri, accompagnati dai loro difensori, gli avvocati Gianni Scatozza ed Enzo Olivieri del locale foro, i due arrestati sono comparsi davanti al giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Castrovillari, Simone Falerno, per la convalida degli arresti e gl’interrogatori di garanzia.

In esito all’udienza, hanno ottenuto la misura cautelare meno afflittiva dell‘obbligo di firma in caserma con la contestuale revoca degli arresti domiciliari, in attesa che venga fissato e celebrato il processo nei loro confronti. direttore@altrepagine.it 

Di FABIO BUONOFIGLIO

Classe 1974. Spirito libero, animo inquieto e ribelle. Giornalista. Negli ultimi 20 anni collaboratore e redattore di diverse testate quotidiane e periodiche regionali nel Lazio e nella sua Calabria. Nel 2011 fonda AltrePagine, la propria creatura giornalistica che da allora dirige con grande passione.

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com