La polizia ha arrestato pure un marocchino ricercato in Spagna per rapina e violenza sessuale

Blitz antidroga dei poliziotti del Commissariato cittadino diretto dal vicequestore aggiunto Cataldo Pignataro in un’abitazione nei pressi del centralissimo Viale dei Normanni nell’area urbana rossanese di Corigliano-Rossano.

Dove, gl’investigatori in forza alla Squadra di polizia giudiziaria guidati dall’ispettore Stefano Laurenzano, avevano notato un via vai di persone – loro note come consumatori di droga – che entravano ed uscivano da un portone.

Così, lunedì pomeriggio, i detective si sono nascosti nella villetta comunale adiacente la casa del sospettato spacciatore, fin quando è sopraggiunto un giovane a bordo della propria autovettura. Sceso dal mezzo, lo stesso s’accomodava nell’abitacolo di un’altra auto, a bordo della quale v’era proprio il sospettato, Alessandro D’Alessio, 27enne del luogo.

A quel punto è scattata la perquisizione: D’Alessio aveva un borsello con all’interno due  involucri di marijuana per circa 6 grammi di sostanza. Perquisitagli pure l’abitazione, qui sono saltati fuori un barattolo di vetro e una scatola di cartone con altri 62 grammi di “maria”, un bilancino di precisione e vario materiale utile al confezionamento della droga.

Il Commissariato di polizia cittadino

D’Alessio è stato dichiarato in arresto e condotto in Commissariato. Il magistrato di turno in Procura a Castrovillari ne ha disposto gli arresti domiciliari in attesa del processo. 

Il Tribunale di Castrovillari

Nella tarda mattinata di ieri, invece, gli stessi poliziotti della Squadra giudiziaria, hanno arrestato un 37enne di nazionalità marocchina destinatario d’un mandato d’arresto europeo dalla Spagna per i reati di rapina e violenza sessuale.

L’extracomunitario, già condannato nel 2014 dalla giustizia spagnola, s’era reso irreperibile ed era giunto in Italia, a Schiavonea di Corigliano-Rossano, con documenti falsi. Adesso è rinchiuso nel carcere di Castrovillari. redazione@altrepagine.it