In nottata un altro rogo, di matrice dolosa, aveva distrutto il 28° mezzo dall’inizio dell’anno

Un’altra notte di fuoco. La notte scorsa, infatti, verso l’una e venti, in contrada Cannata allo Scalo coriglianese di Corigliano-Rossano, un rogo d’origine dolosa ha mandato in cenere una Peugeot 2008

che si trovava parcheggiata nella proprietà privata in cui insiste l’abitazione della vittima delle anonime mani incendiarie.

Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco del Distaccamento cittadino a spegnere le fiamme – ma la vettura è andata comunque completamente distrutta – e i carabinieri del Reparto territoriale per le indagini del caso. Ed è il caso numero 28 dall’inizio dell’anno 2022, in soli quattro mesi e mezzo.

Verso le 19 di questa sera, invece, quando c’era ancora il sole, in contrada Cardame, sempre allo Scalo coriglianese, sul piazzale del supermercato Md, ne sono andate a fuoco due, di auto: una Minicar e una Renault Clio. Ma qui la storia è diversa.

Sul posto carabinieri, polizia municipale e pompieri, ma in questo caso, a quanto pare, nulla di doloso: a scatenare l’incendio sarebbe stato infatti il surriscaldamento della Minicar che ha coinvolto pure la Clio ad essa parcheggiata vicino.

Nell’abitacolo della Minicar v’erano due persone, padre e figlio, riuscite per loro fortuna a mettersi in salvo per tempo.

Nel parcheggio del supermercato stazionavano numerose altre autovetture. redazione@altrepagine.it