È stata trovata cadavere dai carabinieri stamane, riversa in una pozza di sangue nella sua abitazione alla Marina di Mandatoriccio, Domenica detta “Mimma” Caligiuri, un’insegnante pensionata di 71 anni.

La donna presentava vistose ferite da arma da taglio, un coltello. Colpita con diverse coltellate, al torace e all’addome.

I carabinieri del Reparto territoriale di Corigliano-Rossano hanno poi rintracciato il marito della vittima, primo ed unico sospettato del delitto, Luigi Carlino, 73 anni, anch’egli pensionato. L’uomo, fermato e tradotto in caserma, avrebbe già confessato l’uxoricidio.

L’abitazione in cui è avvenuta la tragedia familiare

Ad avere il sospetto che qualcosa non andasse, la figlia della coppia, che non sentiva la madre da un paio di giorni e che dunque ha allertato i carabinieri. Gli uomini del colonnello Raffaele Giovinazzo, appena giunti sul posto, hanno fatto il macabro ritrovamento e fatto intervenire sul luogo del delitto il magistrato di turno in Procura a Castrovillari. Secondo il medico legale incaricato dell’ispezione cadaverica, la morte della donna risalirebbe alla giornata di giovedì.

Marito e moglie erano molto conosciuti a Mandatoriccio: erano rientrati in paese dopo tanti anni di lavoro nel Nord Italia, in un comune emiliano in provincia di Modena. Nella coppia pare vi fossero frequenti litigi negli ultimi tempi. redazione@altrepagine.it