Alla guida del suo motociclo per le strade di Mirto-Crosia con atteggiamento guardingo. Seguito dalla polizia fino alla chiesa di Mirto.

Dove l’uomo, un noto pregiudicato del luogo, dopo essersi affiancato a un’autovettura con a bordo due giovani, è stato notato mentre consegnava “qualcosa” in cambio di soldi. Immediato il blitz degl’investigatori del Commissariato di Corigliano-Rossano diretto dal vicequestore aggiunto Cataldo Pignataro.

Il 50enne Massimo Cetera ha provato a fuggire, ma è stato raggiunto e bloccato dagli uomini della Squadra di polizia giudiziaria dell’ispettore Stefano Laurenzano.

Perquisito, aveva 3 grammi e mezzo d’eroina, un grammo e venti di marijuana e 120 euro in contanti. I poliziotti gli hanno poi perquisito pure l’abitazione. Dove aveva altri 18 grammi d’eroina, due bilancini di precisione e 590 euro in contanti.

Cetera è stato dichiarato in arresto per detenzione di droga finalizzata allo spaccio, ma anche per furto d’energia elettrica in quanto l’abitazione è risultata allacciata abusivamente alla rete.

Il Tribunale di Castrovillari

Assegnato dal magistrato di turno in Procura a Castrovillari agli arresti domiciliari, a seguito dell’udienza di convalida tenutasi stamane in Tribunale il giudice ne ha disposto la liberazione in attesa del processo, con obbligo di dimorare a Cosenza. redazione@altrepagine.it